Oswild Ecar: Sul fallimento della libertà

0
()

Oswild Ecar: Sul fallimento della libertà La prima volta che ho visitato questo sito sono rimasta entusiasta: qui ogni persona può scrivere quello che vuole, che siano versi, racconti, opinioni sui piu’ svariati temi.
Mi piaceva anche l’idea di uno scambio di idee, magari assai distanti fra loro, creare un dibattito volto ad un accrescimento, anche ad uno scontro, perché no, sempre nei limiti del rispetto e dell’educazione.
Credevo che avrei trovato persone interessate ad un civile confronto, in modo da rifuggire alla banalità e alla volgarità di oggi, quando, ad esempio, accendo la televisione.
Mi sbagliavo: anche qui, per colpa di qualcuno che, evidentemente, soffre di manie di protagonismo, o deve, per forza, polemizzare su tutto, senza una minima vena critica, mi ritrovo in una sorta di trasmissione virtuale stile Maria De Filippi, dove c’è chi aggredisce, senza logica e senza motivi.
Ho cercato di non cadere in questa trappola, anche solo per non dare soddisfazione a che deve per forza provocare, o quanto meno deve farlo in modo scontato, banale e asettico, ma poi vedo rispondere ad una mia opinione sul referendum con un commento sarcastico intitolato “hai perso”… Qui, di certo, non ho perso io, ma ha perso chi credeva che fosse possibile creare un gruppo di persone mature e responsabili, chi credeva che fosse superfluo precisare delle “condizioni di pubblicazioni” che descrivono solo le regole del buon vivere civile.
Ma, evidentemente, non tutti siamo pronti per un mondo ,anche solo virtuale, dove si è liberi, senza leggi né regole, perché si finisce nel caos totale e nella inciviltà.
Che tristezza vedere piccole ripicche, “chicche” svelate (a proposito, non ho capito qual’era questo grande scandalo da rivelare, l’unico scandalo è pensare a qualcuno che scrive e si autocritica… creando un dibattito con sé stesso, per di piu’ auto-offendendosi…mha!!!).
Finisco questo mio piccolo sfogo augurandomi che possa ricrearsi un clima volto allo scambio civile e accrescente per tutti, e torno al lavoro (fra l’altro, mi chiedo che lavoro possa fare chi riesce ad avere tanto tempo da rispondere quasi in tempo reale ad ogni commento, beato lui…).

Leggi anche  Blackbird

 

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?


comalies

Nessuna descrizione.

Lascia un commento