Decimo – Creta

0
()

Il suo viso trasformava.
Trasferiva le emozioni all’interno, come una spugna, lasciando fuori un perfetto sorriso di natura quasi spontanea.
A parte le grinze, leggermente dipinte innaturali.
E certe sfumature sulla pelle, subito camuffate da stanchezze e pensieri vari.
Così si rivolgeva a lui, continuamente, con la faccia disegnata a plastilina, pronta trasformista.
Però lo amava.
O forse è proprio questo il modo più elevato di dimostrare amore.
Prendendo forma, fondendosi su di un calco tascabile, sempre tempestivo all’occorrenza della sua presenza.
Il vestito comprendeva molte modalità comunicative, tutte adattabili, disponibili all’uso di carta carbone.
Non solo felice alla sua vista, ma preoccupata, accalorata, tifosa, amante, passiva, addirittura stanca.
Conforme copia all’originale, alla matrice, a lui.
Come fosse una sua emanazione, un ologramma di sesso opposto.
Con i dovuti accorgimenti.
Ricostruiva alla sua esistenza.
Ridiventava esattamente il complementare.
Ogni volta.
Ovunque uno spigolo, lei accompagnava l’angolo, precisa e amorevole.
A passi brevi e ben allenati.
Identificava prima la direzione da prendere, poi la percorreva decisa.
L’esperienza non l’inganna, l’umore è mutevole, e le risposte hanno bisogno di prudenza.
Riempiva spazi, assecondava manie, imitava cadenze.
Le quantità di apprensioni che sequenziavano su quel volto erano impressionanti, e tutte tracciate dalla stessa identica necessità: essere aderente! Una madre terrorizzata che il figlio la sgridi.
Un figlio sempre pronto ad abbandonarla … povera donna … e che il mondo e le sue disgrazie le cadano addosso … se lo merita … disgraziata … infelice … ma se lo merita … Insopportabile impotenza.
Deve farsi amare! E tutto muoia al sacrificio.
L’amore non ha prezzo, e bisogna pagarlo tutto, l’inestimabile valore.

Leggi anche  Libropatia: L'estetica del disgusto

 

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?


Emilio Miranda

Nessuna descrizione.

Lascia un commento