tipa strana

0
()

Giornata ventosa pensò Laura uscendo da casa.
“Meglio così, ho bisogno di svagarmi un pò…”.E infatti il vento le sussurrava nenie di altri tempi mentre lei, camminando distrattamente tra le foglie riarse del viale, non le ascoltava.
Ma le sentiva.
Il vento capriccioso giocava con i suoi capelli riccioluti, li scombinava, glieli passava sul viso insistentemente.
“Accidenti! Non ho neanche un codino! Meglio così…Nessuno potrà guardarmi in volto e farsi i fatti miei…” E pensò che il vento fosse suo alleato, che le avrebbe nascosto le lacrime sotto la menzogna della polvere negli occhi…Non voleva starci più in quella casa…Ma la gente che ne sa? Dicono tutti che Laura è “una tipa strana”…Ma non sanno…Oh, sì, lo sanno benissimo che i panni sporchi si lavano in casa! Sporchi di sangue…Violenza di tutti i tipi, di tutte le salse…
“Avanti il prossimo!” gridava Laura con sorriso beffardo mentre calciava il tappeto di foglie del viale.
Con le mani in tasca, stretta nelle sue spalle, arrivava sulla rupe che affaccia sul mare.
“Oggi anche tu sei agitato? Agitato come me, caro amico mare…Se avessi il coraggio ti sposerei…”E pensava di unirsi a quella distesa d’acqua.
Una volta per tutte.
Di colpo il vento si fermò, il mare si calmò…
“Avete ragione, è da vigliacchi, lo so…”.
Laura si incamminò verso casa.
Pronta a sopportare altro orrore…Ma questa volta avrebbe reagito…Era sicura di questo.
E non ci sarebbe stato vento o mare a cancellare il suo intento…e non sarebbe stata più la tipa ignota, strana del paese.
Tutti avrebbero saputo perchè Laura andava via.

Leggi anche  il K.O. di Tyson (quello finto)...

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?


Dejanira

Nessuna descrizione.

Lascia un commento