Articoli per mese: Giugno 2005

Verrà un giorno e sarà di luce impazzita si poserà la mia mano sulla tua anima esule incastrata nei sensi vulcano vivo soffocato
continua a leggere...
I sogni muoiono all'alba disperdendosi nella prima luce del mattino tra le verbene di un balcone spazzato da venti incostanti. Ascolto in silenzio
continua a leggere...
Quando l'aurora tinge di rosa le notti passate, raccolgo ombre dal mio soffitto di stelle, ubriaca di sogni, baratto specchi frantumati con
continua a leggere...
Ho fatto collane con fili di vento danzando tra rovi di more e biancospino, ho navigato su mari d'inchiostro immersa tra polvere di stelle e
continua a leggere...
Chi? Poeta? Non mi fermo sulla metrica e sugli ossimori. Non riesco a vedere la linea infinita del cielo tra i barattoli del sale e del caffè.
continua a leggere...
Un bar, un caffè… Quanti ne abbiamo divisi? Quanti gustati sorridendo di niente? Quanti sorseggiati con l’amaro in bocca? Di più, di più!
continua a leggere...
La scalata Lorenzo non ne poteva più della sua situazione familiare e aveva deciso di farla finita lanciandosi dal tetto della sua villa. Si
continua a leggere...
Quattro petali rossi al riparo dei trifogli emersi al sentimento d’una selva d’oleandri circondano dell’estate il regno verdeggiante
continua a leggere...
Debole, fragile, indifesa al passo impetuoso, vivido e vigoroso la sabbia s’è arresa! Prima pestata, poi calpestata, in seguito ancora
continua a leggere...
Due stelle d'infanzia cadute nello sguardo adulto della bimba: "Sette anni e ancor ricorda il primo doloroso no pronunciato alla vita, a
continua a leggere...
Chi mi conosce ed ha occasione di leggere ciò che scrivo, ricorderà la storia di Lutrec, giovanissimo guerriero in erba conosciuto nella Comunità
continua a leggere...
quel che mi copre nella notte letale delle armonie suicide è l’invisibile colore del mio paradosso quando mi si presenta in musica di
continua a leggere...
Correnti di voci dissonanti nella penombra serale m' accerchiano il pensiero, bloccano il varco che conduce al mistero e mi scopro incerta ed
continua a leggere...
Onde verso la costa affossano la mia fortezza dalla quale scrutavo il volto della luna la sua calma rotazione. La schiuma della risacca
continua a leggere...
Da oscuro gregario a campione acclamato. È tutta qui, se vogliamo, la particolarità della carriera di Nigel Mansell, pilota passato alla storia per
continua a leggere...
L'ultimo giro di giostra in un parco incantato, angeli di silenzio nella tua vita, passi senza orme tra i tuoi ricordi, cammini nel vento tra
continua a leggere...
Chiodi nudi alle pareti, sprazzi di nebbia sui sentieri dell'anima, stanca del dolore del mondo e dei miraggi che accarezzano i sogni rubo i
continua a leggere...
Mi perdo tra sogni di sole e di luna, un risveglio senza colori, un vento che soffia su una vita in bianco e nero, mute preghiere e brividi sparsi
continua a leggere...
Se potessi riavvolgere il tempo mi troveresti seduta sulla riva del mio mare a sorseggiare bagliori roventi di luce a mettere insieme l’ossa
continua a leggere...
ho un modo di coltivare le vanità di accendere le mie notti un modo di spogliare l'anima dai sogni di affabulare sull'ipotesi del mio
continua a leggere...
Ho cercato il mondo dietro i vetri di un'invisibile prigione. Consumavo l'attesa nella noia per non scalfire giorni di ghiaccio. Si
continua a leggere...
Innalza la mente cattedrali invisibili di melodie sinuose. Amare l’ignoto? Amare un pensiero? Respiro lontano soffia sul viso come
continua a leggere...
... the sites have been destroyed. At Barrett Drive, near the casino, the road cuts through the Caterpillar. When I saw that I stood and cried. Not
continua a leggere...
LA QUIETE DELLA GELOSIA Ci muoviamo sul viale lungo il filare dei cottages. Sono curiosa d’incontrare Naima, la immagino una delle tue
continua a leggere...
DEL PARADISO PRIMA ARRIVA IL PROFUMO E’ inutile aggiungere altro, sto pensando. A quando risalgono le mie ultime proteste o le mie ultime
continua a leggere...
L’OCCHIO DELLA MENTE La stanza che ci accoglie è desolatamente spoglia: un vecchio tavolo di plastica e ferro, un lavello di ceramica dura
continua a leggere...
LA DISTANZA HA IL SUO MAGNETISMO _______Sei solo una stupida! È notte fonda e tu insisti per partire adesso. E non trovi di meglio che
continua a leggere...