Non ti muovere

0
()

Nulla, nulla, non ti muovere, ormai la frase è spezzata, una parentesi e poi ancora una parentesi ha corroso la lingua, l’anima, più non scorre sangue nell’io insolente.
– Imperversa la tua voce, mi viene in mente l’urlo aperto cinque anni fa mentre mi denigravo cadendo nella neve davanti ad una sporca locanda.
Ero acqua sciolta al male dal tuo viso atteggiato.
– Ancora l’insegna m’invita: un affrettarsi di passi su e giù agli angoli del cervello, all’imbarco per l’isola.
– Così resto in silenzio e chino il capo sul petto che mutilato disegna metà dello scempio.

 

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Frammenti

Donatella Dori

Nessuna descrizione.

Lascia un commento