Eppure esisto (da un’idea di paolastella)

0
()

Non si accorge di me eppure esisto.
Ho scalato i monti, prosciugato i mari, alieno a loro, anche ai miei pari.
Ma non si accorge di me eppure esisto.
Ho cercato la collina, creato la pianura, superato il panico, vinta la paura.
Però non si accorge di me eppure esisto.
Ho sentito la sua musica in autobus o nel metrò ma, quando la avvicinavo, neanche un «no».
Perché non si accorge di me eppure esisto.
La cerco tra la gente, nel paesaggio all’esterno, la inseguo quando sogno d’estate e anche d’inverno.
Eppure non si accorge di me ma come è vero che esisto troverò il paese innocente e, almeno lì, sarò visto.

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Pungente

pecco

Nessuna descrizione.

Lascia un commento