Vorresti non chiamarlo amore

0
()

E’ troppo impegnativo il percorso di non ritorno che accarezza le labbra e accende un fuoco senza rami secchi.
E’ troppo brillante il Sole che buca gli occhiali e sillaba spuma d’Universo, scorie di galassia, astri frammisti a cielo.
E’ troppo sognante il pensiero di sensazioni che dissetano l’anima e regalano l’antidoto al più lancinante dolore.
E’ troppo, per questo forse vorresti non chiamarlo amore.

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  LA MIA PRIMA POESIA

pecco

Nessuna descrizione.

Lascia un commento