Articoli per mese: Novembre 2006

A una in Paradiso, A mia madre, A Elena, A Louise Olivia Hunter, A M.L.S. & Per Annie. E soprattutto A... Una Valentina. Ligeia era lì per
continua a leggere...
E' sognandoti CHE ho capito CHE la vita è sogno in questo calderone CHE lenisce e CHE è insieme una barca CHE con la a inizia e una
continua a leggere...
Vorresti porgere l'altra guancia ma la legge della selezione t'ammonisce: così sei fuori. Vorresti farti cullare dal ricordo ma la realtà è
continua a leggere...
Prima di affondare conto fino a dieci ma non arrivo a nove perché l'otto ha già portato via il sette mentre sei cinque volte, quatta
continua a leggere...
In questi giorni personaggi autorevoli si affannano e si infuriano per mettere in discussione la nuova normativa in materia di sostanze stupefacenti,
continua a leggere...
Forse non fratelli ma siamo tutti figli: prodigi della natura, doni miracolosi di un Dio che ci sorride al di là di ogni credo. E come
continua a leggere...
Sono folle di figlie, non di faglie. E sei folla di voglie, non di doglie. Per questo non sei più mia moglie, per questo non
continua a leggere...
Vorrei cantare la mia rabbia per le ingiustizie, per la burocrazia che strozza la nostra mente, per l'infamia di non poter aprire il nostro cuore,
continua a leggere...
La birra ha un buon sapore. "Ma se è amara", mi dici tu. Allora ti rispondo di cuore: amara tu lo sei molto di più. La birra ha un colore
continua a leggere...
Contro la follia di chi ci accusa di follia, contro l'ipocrisia di chi ci rinfaccia l'ipocrisia, contro la crudeltà di chi ci rimprovera di
continua a leggere...
Piange lacrime di sangue il cuore di amanti feriti, lame roventi nella brughiera, frastuono di "sarà diverso", odalische per viaggi mentali che
continua a leggere...
Sparo tutto il dolore di chi non ha voce, di chi la ha ma non può usarla, non può osarla. Sparo tutto l'amaro di chi non è un baro e si vede
continua a leggere...
Per vuotare tasche sdrucite, per non affondare con zavorre, per carezzare l'aria con la mano scaglio i sassi della prigione. Ma nessuna strada
continua a leggere...
Il poeta conosce bene la linea del Piave, il poeta non abbandona mai la sua nave, il poeta preferisce sempre il ciao all'ave, il poeta lascia alle
continua a leggere...
L'apparenza conta meno della sostanza eppure la forma conta più della materia. C'è da diventare sofisti, pensò Platone. Versione haiku:
continua a leggere...
E' sputare finalmente il rospo, è inalare aria benefica e pura, è ingoiare amore, solo amore, è nutrirmi di vita, e vita dare, è
continua a leggere...
Siamo più stranieri dello straniero di Camus, anche noi con la peste, anche noi in tempeste che neanche Prospero vide -prosperità oggi è
continua a leggere...
Ho visto bocche sdentate o emaciate ma sotto occhi colmi di passione nei volti contadini della mia gente. Ho visto il grano che non tradisce,
continua a leggere...
Conterò tutti i tuoi passi nella mia stanza e doterò d'altri giorni il nostro calendario, ti farò vivere di sole e mai da sola e trasformerò
continua a leggere...
BARBARI A noi barbari ci avete sempre chiamato: flagello di Dio, demoni incarnati, terrore oltre il limes; rozzi, luridi e selvaggi,
continua a leggere...
Un cavallo alato ha portato via i miei sogni, una nuova corrente me ne riporta altrettanti, non gli stessi, ma sempre comunque sogni e a chi mi
continua a leggere...
Non ti conosco, però t’immagino e immaginandoti ti vedo. Vedo la Sicilia nei tuoi occhi, il calore umano nelle tue vene. Le letture, la
continua a leggere...
Potrei scriverne un poema, una bibbia laica, la sceneggiatura di un non film. Ma sarebbe sempre e solo l'esorcismo del dolore, il sorriso amaro
continua a leggere...
Mi scuoto col Nessun dorma e allora seguo l'orma lasciata dalla tua forma, ma lo fa anche una torma di gente, come una tarma che per chissà
continua a leggere...
E' la vita che esce, mesce, nasce e ancora in fasce già pasce, è la vita che sorprende, che prende e che dà, che è e che ha, è la vita che
continua a leggere...
Vorrei poterti dire: è solo un black out, come la corrente che per due ore non ha corso, come spie senza luci, quasi fossero senza agenti, ma le
continua a leggere...
Lo ricordo bene era giorno (o forse notte, visto che la luce faceva quattro copie di me per terra ) ed era caldo (o forse era inverno
continua a leggere...
La tua mano cerca la mia e la trova. Sento che è calda, sento la tua fiducia. Il tuo abbandonarti mi ricorda un bambino che si affacciò su
continua a leggere...
Se ti lascio andare è perché so che solo così ti potrò riprendere. Se non mi lascio andare è perché so che solo così ti potrò
continua a leggere...
T’ascolto e se non è tutto è però molto e non è brutto. T’assalto e se non sarai mia una doppio malto mi farà
1 2