Articoli per mese: Giugno 2007

Per un attimo in quegli occhi vide il suo passato, lesse il suo futuro. Il suo presente invece, che pure rare volte si era manifestato come allora,
continua a leggere...
Vincere, stella, è perdere ogni rischio di perdere
D.S. (déesse) Dea di grazia, bellezza e dolcezza di triste bambina, son gli occhi soli e feriti: donna sinuosa, felina e
Protendendosi verso l'alto nel delirio di sensi accesi -non dolori, ma colori e calori- papaveri volano ad abbracciare il canto di un'amazzone
continua a leggere...
Lungo il mare a Milano, ho tutto il materiale che mi serve stavolta dimentico e dimentico voi. Solo l'inizio del poema sulla città che
continua a leggere...
Avrei voluto scoppiare sulle ingiustizie della nostra era di cui siamo stati -tutti- complici, sulla disperata voglia di scappare dalla
continua a leggere...
Piuttosto che per la cruna di un ago, è più facile che un cammello passi per una duna o un
Un sole d'inchiostro blu scandisce il nostro appartenerci e canta il canto di un incanto, conta un incontro andato in porto, scarta l'incerto
continua a leggere...
Fischiano le orecchie, non risponde al fremito la pelle: la salva l'imprinting della persona amata, il resto è l'assoluto bisogno di
continua a leggere...
Nel mare voglio affondare le tempie e il collare che portavo nell'altra vita, quella che tra le dita è scivolata nel momento in cui il
continua a leggere...
Nel mezzo del cammin verso la zita mi ritrovai per una selva oscura ché la consueta vita era finita. Ahi quanto a dir qual era è cosa soave
continua a leggere...
Piombò il cielo sulle chiome scarmigliate della madre - il suo unico figlio - e non sapeva ancora le lacrime desaparecide che avrebbero versato
continua a leggere...
Il cielo ha milioni di stelle che scoppiano addosso ai nostri silenzi, alle nostre parole trovate o provate, all'Iperuranio impoverito di queste
continua a leggere...
La vita ci scappava tra le mani e più cercavamo di addomesticarla più sgusciava con la fantasia trovando nuove vie di fuga, oltre l'orizzonte
continua a leggere...
Sgocciola l'ora curva sugli incanti, sugli inganni degli amanti e par di sentire un suono proveniente da un'altra vita ma forse è solo il
continua a leggere...
Ha riflessi verdi il mare: li vedi, smeraldini e ­incendiati dal sole delle nostre parole protendersi come ­cocci di bottiglia alla ricerca di
continua a leggere...
Ho fatto una passeggiata per la Laurentina ma gli autoveicoli erano tutti in fila, Fermi forse per il concerto che c'era al Palasport. Lì suonava
continua a leggere...
Io scrivo questa poesia per colei i cui occhi lucenti ed espressivi come coltelli di una sfida trovarono di che colpire come già colpì un
continua a leggere...
Sono le seis de la tarde di un martedì di giugno, mi dico mentre stringo i miei capelli e l'aria, poi aprendolo vedo quel che è rimasto in
continua a leggere...
Il giusto dettaglio: lo si potesse afferrare come fosse un pendaglio si riuscirebbe a sferrare quel colpo secco a ogni situazione che ci tiene
continua a leggere...
Quella mano che accarezza il nostro orizzonte di sogni e coriandoli e apre una breccia nel muro - consolidato - d'Autarchia è la stessa mano
continua a leggere...
Il cielo è caduto e quasi non si vede più nulla. Sono, anzi, siamo nuvole ed etere e a tentoni trasciniamo i nostri capitomboli. Il sole si è
continua a leggere...
Pochi secondi: ho tutto il tempo per rovesciare la mente e nel doppiofondo vedere l'ombra della fantasia, poi ascoltare il cuore che mi parla
continua a leggere...
Che poi la vita sia un immenso gioco di specchi lo sanno tutti, perfino i vampiri, o chi, come Lugosi, pensava d'esserlo e mai uno specchio ha
continua a leggere...
Cade ancora brina sui solchi dissodati a palchi dagli aratri dell'avanspettacolo. Frizzi e lazzi scaldavano gli addii. Erano le nostre braccia
continua a leggere...