Articoli per mese: Novembre 2007

Non fosse bastata la natura a darmi ragioni per amarti, non fosse stato sufficiente saperti sangue del mio sangue, non fosse bastato,
continua a leggere...
Brucia nel bicchiere l'incenso del coppiere e ripenso a quelle sere - insieme fummo tra cere e "ti amo" - laddove fumo - non ci piove -
continua a leggere...
La Dea dell’Amore Fu veramente un caso quello che mi fece entrare in quel locale, quel modesto ristorante ai bordi della rumorosa
continua a leggere...
Il tempo non ti avrà importuno Né ti sfiorerà la notte Né si sazierà del tuo oblio Questa donna Sosterrà la tua benevolenza Declamerà
continua a leggere...
RE E’ vero, la fede si apprende dai più semplici, ascoltando con il cuore: io l’ho imparata soprattutto dai miei nonni materni. I nonni
continua a leggere...
Notte sul mare, e raramente qualche gabbiano
MARIO, LA GIOSTRA E IL DIVANO… La luce livida dello schermo che gli riflette sul volto estrae dal buio della stanza le sembianze di quello che
continua a leggere...
Paolo, il superbo Paolo era un ragazzino molto bello, con i capelli biondi e soffici. Aveva due occhi enormi, di un azzurro violetto. La sua
continua a leggere...
Bruciano anche le briciole nella brace del mio braciere: pace per il pane che ho nel paniere, pece che si attacca a ogni invece che dalla mia
continua a leggere...
I rami nudi dell'albero della vita, che agli occhi di un bimbo appaiono dita, accarezzano i sogni che la notte ci impone, mentre l'alba lontana
continua a leggere...
Dalla collina vedo il paese, con le sue case e le due chiese; la prima che ospita solo i cristiani, l'altra che a tutti stringe le mani. Dal
continua a leggere...
Il sole scalda, il mare rasserena, la brezza
Sorella come la vita, come la morte, come il vento che apre le porte, come il canto di chi fa la corte. Sorella come la realtà, come il
continua a leggere...
Si protendono verso di te a sfiorarti, accarezzarti, abbracciarti, legami ancora vivi con i tuoi cari, con la Terra, con l'aria, grati per
continua a leggere...
Quello che passa contemporaneamente torna. E
E' vero, sono tuo figlio e ti assomiglio. Ma ti assomigliano anche le cose e le persone attraverso cui vivevi, attraverso cui ancora vivi. Ti
continua a leggere...
Giulia, Orosei, gli anni ottanta. Giulia, penso si chiamasse così quella canzone, d’altronde era l’unica parola che avevo capito, per il
continua a leggere...