LA DECODIFICAZIONE DEL PENSIERO è ASSENTE.

0
()

In un rimbombare di parole il pensiero accostasi al silenzio pensante.
Pensieri da decodificare per il passante in assenza di lettura, un passante che parole chiede parole acerbe per lo sviluppo dell’essenza un essenza di suoni emessi da corde vocali accese un essenziale per comunicare con la comprensione attiva al massimale cespi di lettere inoltrati nel pensiero mai capiti dal passante.
Il comunicare è comprendersi, i pensieri la partenza per esprimersi.
Entrare nel territorio pensante con telepatia vorremmo, vorremmo guardare trasmettendo parole essenziali ma parole mature servono.
Il trasmettere senza lettere in fila emesse da corde vocali compito delle originali emozioni positive reciproche rimane attraverso un filo invisibile e muto comunicano.
Emozioni logorroiche sostituiscono parole mature inoltrate dal pensiero.

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Geme il vento

Michela Fabiano

Nessuna descrizione.

Lascia un commento