ennesima guerra interna

0
()

Se cerco di afferrare la mia vita non mi rimane nulla tra le mani.
Non sono in grado di lasciare nulla nelle persone.
Nessun graffio, nessuna polaroid che raffigura sorrisi, niente di niente.
Non riesco nemmeno a farmi odiare.
Sono una persona neutra che se manco, non te ne accorgi e se ci sono è irrilevante.
Per carità, non vorrei mai i fari puntati addosso, non ho mai studiato la parte della protagonista.
Sono solo una comparsa nella vita di tutti, quella che passa nel centro commerciale con i sacchetti pieni di rabbia e delusione mentre in primo piano si svolge tutto quello che avevo scritto, su pagine vergini, per me.
Perché anche se non sono abbastanza continuo a desiderare l’impossibile? L’intelligenza non mi accompagna o forse sono solo masochista.
Io sogno quello che non posso avere, quello che non è alla mia portata ed allora, consapevole di ciò, mi metto bella comoda a poltrire mentre i castelli di sabbia costruiti con tanto amore mi cadono addosso.
Non posso fare nulla perché questa situazione cambi, l’uomo del mio desiderio è troppo lontano ed allora sono qui a guardare i titoli di coda mentre il vinile di Titanic suona lontano, la cenere della sigaretta mi sporca gli abiti ed ho finito di scrivere l’ennesima lettera in cui dichiaro guerra a me stessa.

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Redazione LOPcom

Lascia un commento