GUARDIE E LADRI

0
()

(In dialetto romanesco) “Je giuro, Marescià, so’ ‘n delinquente, li mestieracci l’avrò fatti tutti, però ‘sta vòrta, io nun centro niente, nun me mischiate co’ quei farabutti ! Io rubo, Marescià, ci avrò ‘sto vizzio, ma in politica, no! So’ proprio zero ! Me trovavo pe’ caso a quer comizzio, je giuro, Marescià, che so’ sincero ! Eppoi, buttasse addosso a ‘n poliziotto in quattro o cinque, è ‘na vijaccheria, per’ questo quann’ho visto er quarantotto ho chiuso l’occhi e so’ scappato via !”.
“E sei finito ‘n’artra vòrta drento – je fece er Maresciallo – ma ‘sta vòrta, che t’hanno preso so’ proprio contento così te posso parlà, perciò ascorta … ascorta e segui bene ‘sto consijo: ‘Ce stai tarmente poco tu in famija che manco te lei accorto che mi’ fijo s’è messo a fa’ l’ammore co’ tu fija ! Te faccio pedinà matina e sera e so che tu nun centri cor ‘fattaccio’, ma cambia vita ! Pe’ tu’ fija che spera che arméno pe’ quer giorno sotto ar braccio se possa sentì fiera ed orgojosa d’avé ‘n padre co’ l’anima pulita.
E dajelo a tu’ fija che mo’ se sposa, ‘sto giorno ch’è er più bello della vita !”.
… Ma er ladro nun disse ‘na parola.
… E nun poteva dilla, perché intanto, je se stava formanno ‘n nodo in gola e poco dopo se disciorse in pianto ! .

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...


Sergio Garbellini

Nessuna descrizione.

Lascia un commento