Rossa

0
()

Ho incontrato uomini diversi lungo la strada, ognuno dotato di un difetto evidente, ognuno avvelenato di un personale egoismo, ognuno avido di mordermi un pezzo di vita.
Chissà perché, se alla fine quel vivere non riescono a tenerlo nello stomaco e lo vomitano in un angolo.
Mi rimane il sangue dello strappo, e ogni giorno divento sempre più rossa.
Il rosso ha il silenzio di chi resta a guardare, di chi folle ha la condanna della forza.
Io la possiedo, quella stupida forza di non abbassare lo sguardo, mi danno della matta perché nel fuoco mi getto e non grido quanto dolore mi scrive il caldo sulla pelle, io nel vuoto cerco di non annegare, perché camminare è stata una dura conquista e la pazzia porta lacrime.
Ma mai le piango in ginocchio.
Succede…
Mi è successo di incontrare uomini tatuati di vigliaccheria, e si sa i vigliacchi guardano a terra e leccano la polvere di falene senza significato.
Avrei potuto scappare, fingere e recitare, ma io sono rossa, e dal rosso non scappi.

 

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Anno Domini 925

Barbara Bi

Nessuna descrizione.

Lascia un commento