365

0
()

Luce indossava pantaloni neri,un maglione in pied de puol,aveva i capelli raccolti in un debole concio e ai piedi, scarpe con il tacco.
Elegante,sicura,inconsapevole,innocente,provocatrice,sensibile,forte,quasi donna.
Lunedì,ore 20.30.
E un castello.
Quel castello.
Sorseggiava vino e non aveva paura di Essere.
l corpi vibravano senza scomporsi, eppure il profumo era così percepibile.
Ora,indossa una tuta dai bordi strappati,i capelli sono sciolti e ribelli,gli occhi segnati da profonde occhiaie .
Martedì, ore 19.30.
Un anno dopo.
Esattamente un anno dopo.
Un anno dopo a esorcizzare un amore mai nato per davvero.
Labbra solo sfiorate,profili appena immaginati,occhi consumati,menti così affini da lasciarsi e riprendersi, come fosse un gioco da ragazzi,ma senza la voglia di tenersi stretti al cuore per davvero.
Era stanca Luce di farsi le stesse domande.
Cosa resta?! Un anno dopo.
365 giorni in più.
Solo questo? Così poco? Ma io non sto piangendo…
il mio cuore ha smesso di sgocciolare speranza e desiderio,i miei occhi hanno smesso di consumarsi,la mente di rimbalzare contro un muro.
Un anno dopo.
Nessun castello.
La continua voglia di Essere.
Il desiderio di sentirsi donna .

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Il bacio

Giulia Zannetti

Nessuna descrizione.

Lascia un commento