Mare monstrum

0
()

Mare monstrum (naufragio di profughi) Carico di membra fantasma al fondo della chiglia, occhi come fari penetrano il buio indistinto che leviga scogli sbattuti dal lamento di lacrime perse e di persa speranza se appena più forte il flutto si abbatte come ala di nero destino.
Non come chi la vita ogni giorno l’inventa o la sciupa nel tranquillo bisogno.
Ma come nasce ogni volta chi supera i nodi stretti e violenti di guerre e soprusi.
Il vento ha spirato più forte.
Dei cento che erano solo cinquanta hanno visto la riva e degli altri la morte.
6/9/2012 Il titolo è volutamente artefatto: il Mare Nostrum (antico appellativo del Mediterraneo) diventa mare monstrum (in latino: prodigio, mostruosità) tratta dal libro Sazia di luce di Adriana Pedicini, ed.
Il Foglio 2013, euro 10

 

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Redazione LOPcom
Leggi anche  FOGLIE

Lascia un commento