Articoli per mese: Gennaio 2014

Mi libero da pensieri confusi, mettendo ordine nella mia mente per ritrovare la calma quiete del mio essere. Prendo il dolore che grava la mia
continua a leggere...
Orme Eri triste, a capo chino, immersa nei tuoi pensieri, guardavi orme lasciate su sabbia bagnata da un mare di lacrime, di sofferenza e dolore, e
continua a leggere...
Stupido carnefice del mio malanno tira fuori i tuoi trucchi immondi e mostra al mondo la tua vergogna e le tue sporche vesti da pagliaccio. Non mi
continua a leggere...
Quando frequentavo le scuole Elementari c’era il tempo pieno tutti i giorni e il sabato si restava a casa. La mensa pomeridiana era un delirio di
continua a leggere...
Le cose gridano. Gridano in tanti pezzi. Io mi tappo le orecchie forte forte quando lo fanno. Gridano e poi grida la mamma. Poi e anche prima.
continua a leggere...
Noi in pochi credevamo all’onestà e parlavamo d’amicizia e uguaglianza e leali a giocare la partita della vita ignari al baro Voi in tanti a
continua a leggere...
Nel silenzio ovattato da fiocchi di neve battiti d’ali applausi stridulo lamento, un falco su bianca tavola apparecchiata dipinta di rosso
continua a leggere...
Domenica 2 febbraio qui in Thailandia sarà giorno di elezioni. Elezioni moltro controverse, fortememente volute da una parte della popolazione
continua a leggere...
Secondo la teologia cristiana, l'anima di chi muore in Grazia di Dio va a finire in Paradiso, mentre l'anima di chi muore da peccatore va
continua a leggere...
L’ostinazione di Mario nel tentativo di condurci sulla retta via era commovente. Era un seminarista convinto dell’essenziale benignità degli
continua a leggere...
Giulietta stava portando in tavola le lasagne, quando alla televisione diedero la notizia della morte di Pasolini. Federico rimase con la forchetta a
continua a leggere...
Io non credo che la gente non sappia che il potere vuole tenerla ignorante per manipolarla ma penso che ben consapevole,ognuno spera che
continua a leggere...
In quest’Italia smemorata passata dall’asino al computer cancellando il tragitto figli sommersi da regali giocolieri pasturati alibi a coscienze
continua a leggere...
Di che balsami, di quali pensieri ricopri ora la tua mente errabonda in questi momenti svanenti e neri? Ti dilegui tra foglie azzurre in questa sera
continua a leggere...
Pochi ti sanno capire, autunno. Io ti cerco liscio sulle lastre di marmo dei tuoi cieli espansi, decomposti, venti scintillano dalle nubi (schiene
continua a leggere...
Sono la ragazzina che fuma seduta sul marciapiede davanti alle mille luci del lungofiume. Sono la donna che la osserva al di qua delle luci e del
continua a leggere...
Il pacchetto di sigarette Camel Light azzurro, con il cammello in bassorilievo. Si diceva che a guardarlo per bene si notava la figura di un uomo in
continua a leggere...
Nobody. Mi chiamo Nobody. Nessuno. Perché nella vita non ho mai contato niente. A scuola, sul lavoro, con gli amici, in amore. Niente. Zero
continua a leggere...
L’indifferenza sull'amore è come acqua sul fuoco. L’odio è una coltellata dritta al petto, l’indifferenza è come fare profondi squarci sulle
continua a leggere...
I giudici aprono fascicoli il problema è chiuderli Iscrizioni al registro indagati ambito premio,albo d’oro Incidente probatorio scontro di
continua a leggere...
Le leggende e i miti della nostra razza narrano di un asteroide che 65 milioni di anni fa sfiorò la Terra, a un nonnulla dall'impatto. Ne parlano
continua a leggere...
Tanto tempo fa ….. forse non ricordi, si andava al mare alle sette della sera e non c’erano entusiasmi, emozioni da dover risvegliare, come
continua a leggere...
Ci sono cose che non hai ancora capito. Ti ho visto dopo una giornata trascorsa in bianco e nero; subito mi sono vestita di rosse tentazioni ed ho
continua a leggere...
Sono un paradiso perduto oh, paradise lost! Eva in lutto dopo la caduta è depressa, ma quanta ingenuità! Sono un paradiso perduto Eva canta un
continua a leggere...
Billo arrivò alle sette in punto; non era stato facile correre attraverso il paese e la campagna, più di una volta aveva dovuto fermarsi e
continua a leggere...
CASO 459034 Luce bianca, al neon, fredda. Illumina questo spazio altrettanto candido. Pareti color latte, mobili di metallo opaco o tinteggiati
continua a leggere...
Per non dimenticare mai. 27 gennaio 1945. Marta non parlava. Non sorrideva mai, nemmeno quando arrivava Walter, suo figlio, che la veniva a trovare
continua a leggere...
Percuote asfalto terzo piede a dubbi musica d’equilibrio tatto meccanico segnalibro ai rumori radar riflesso a specchi rovesciati, tergicristallo
continua a leggere...
Come spuma del mare, o schiuma dal boccale, trabocca la voglia di te e mi spinge a cercare al di là del bene e male come essere il tuo
Se piove i turisti non vengono marciscono gli ortaggi i muratori si fermano L’inverno è mite non si vendono le stufe come pure i cappotti
continua a leggere...
1 2 3 4 5 6 7