Articoli per mese: Settembre 2014

Mario Astori era disperato. La notizia lo aveva colpito come un pugno violento allo stomaco. La ditta presso la quale lavorava da quasi trent'anni
continua a leggere...
Ieri ti ho guardato alzare i piedi da terra e lo hai fatto senza mani, senza avere le gambe come accessorio, senza costruirti la forza nelle labbra
continua a leggere...
Era sera, buia a fine marzo. Tu non c'eri quando l'ago ha infilato il primo inchiostro sul mio fianco, anche se era il tuo nome che mi stavo
continua a leggere...
Più e ancora io lo so Siamo infiniti Mai come l'eterno ma come quello che non smette Il vento che scappa, la stagione che torna. Mi senti fuggire
continua a leggere...
LINO Questa mattina sono entrato nel giardino di una casa per curiosare. Mentre gironzolavo guardandomi attorno le mie narici sono state colpite da
continua a leggere...
A più riprese si rintuzzano i due monelli scalmanati come diavolo e acquasanta si spingono, si insultano si rincorrono; le ramificazioni appuntite
continua a leggere...
In una vecchia casa di campagna abbandonata da diversi anni i ragni della zona sono riuniti in assemblea per discutere dei loro problemi. Per primo
continua a leggere...
Anno 2080. Erano già trascorsi tre anni da quando Igor Portenko aveva completato il suo piano. L’intero pianeta era nelle sue mani e lui si
continua a leggere...
Ti sei reso conto che è la prima volta che ci vediamo per un caffè? Figurati se non abbiamo mai preso un caffè insieme... Giuro Cosa? Non ci siamo
continua a leggere...
U r l a . I m p a z z i s c o. Quelle briciole servivano a riempire questo maledetto vuoto… e non mi importava se erano schiaffi o carezze… non
continua a leggere...
1 2 3 4