La terra mea

0
()

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione: Lu munnu è granni e no’ lu canuscimu, però vulì’ ssapimu com’è fattu, ccussì, ci cchiù, ci menu, nu’ facimu ti tuttu pi truvà’ lu motu atattu.
Cu navi o cu apparecchj nu’ partimu pi scì’ truvari terri t’nu litrattu ca sempri ‘ntra la menti lu tinumu ci no’ vitimu ca èti veru e ‘sattu.
Quann’era giovin’iu, hagghiu viaggiatu pi visità’ li terri ti l’orienti e hagghiu rimashtu assai maravigliatu vitennu cosi bbelli veramenti.
Mu’ no’ nci viaggiu cchiù, cá hagghiu pinzatu: ‘Megghiu t’la terra mea no’ nci shta nienti!’.
Traduzione: La terra mia Il mondo è grande e non lo conosciamo, però vogliam sapere com’è fatto, così, chi più, chi meno, noi facciamo di tutto per trovar il modo adatto.
Con navi o con aerei noi partiamo per andar a trovare terre d’un ritratto che sempre nella mente lo teniamo se non vediamo che è vero ed esatto.
Quand’ero giovane io, ho viaggiato per visitar le terre dell’oriente e son rimasto assai meravigliato vedendo cose belle veramente.
Ora non viaggio più, ché ho pensato: ‘Meglio della terra mia non c’è niente!’.

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Muraglie

Giuseppe Vita

Nessuna descrizione.

Lascia un commento