ER PADRETERNO E’ TRISTE

0
()

(In dialetto romanesco) Me so’ sognato d’esse er Padreterno e stufo a tene’ d’occhio er Paradiso, er Purgatorio, er Limbo co’ l’Inferno, so’ sceso sulla Tèra a fa’ ‘n soriso a sei miliardi e passa de abitanti che vivono la vita da nemici … … li strozzerei, davéro, tutti quanti … nun fanno gnente pe’ sentisse amici ! ‘Sto monno è pieno de’ pidocchi umani che pensano sortanto ar conto in banca e qualche vòrta allungheno le mani pe’ prènne pure quello che je manca ! Me so’ sbajato quanno l’ho creato ‘sta specie d’òmo che s’atteggia tutto, perché se sente d’èsse’ già arivato e, invece, nun s’accorge ch’è distrutto ! Je devo fa’ er lavaggio der cevello e mette ‘n po’ de miele drento ar còre, perché sinnò l’amore pe’ er fratello rimane un bene che nun cià valore ! Se vede che quer giorno ero nervoso e nun so’ stato attento ai sentimenti, adesso l’òmo è strano, è permaloso, nun crede a gnente, è senza sacramenti ! Me sembra ‘n’animale inviperito ch’è stato chiuso drento a quella gabbia, ‘ndove nun se sente riverito e nun riesce de smarti’ la rabbia ! La donna de ‘sti tempi, s’è svejata ed è riuscita a conquista’ er diritto che je spettava in epoca passata, dell’uguajanza messa per iscritto ! Però nun vedo ‘n’ombra de rispetto, tra poveri e ricchi c’è ‘n’abisso, nun c’è più fede, nun c’è più l’affetto, ‘sto monno è messo male, … è crocifisso ! … Adesso me ne torno in Paradiso e da domani, ogni nascituro cj avrà la vita sempre cor soriso, cor còre bòno, dorce e meno duro …! Me so’ svejato drento ar letto mio, … cor petto tronfio … ma nun ero Dio …!!! .

Leggi anche  GARBINO D'AUTUNNO

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?


Sergio Garbellini

Nessuna descrizione.

Lascia un commento