AVEVO LO STOMACO VUOTO

0
()

(In dialetto romanesco) Me stavo, quasi, pe’ mori’ de fame … lo stomaco era vòto da tre giorni e me sentivo de gira’ la testa! So’ entrato ar Ristorante “Roma Antica”, me so’ seduto ar tavolino in fonno e dopo ave’ magnato la lasagna, la sògliola, l’abbacchio, la bistecca, contorni de verdura, frutta, torta, caffè, sorbetto e vinarello rosso, me so’ fumato ‘n sigaro toscano … ma m’è successo ‘n fatto tanto strano … er cameriere m’ha portato er conto e appena ho visto er numero finale, ve giuro, che me so’ sentito male! Nun so se so’ svenuto o quarcos’artro … Me so’ svejato drento all’ospedale, a letto, circondato de persone.
Sur lato destro, du’ carabinieri, all’artro lato, quattro camerieri … che appena ho aperto l’occhi, m’hanno detto: “Che famo? Paghi er conto o vai in galera?”.
Me so’ sentito male n’artra vòrta, er core m’è scoppiato drento ar petto … so’ corsi tre infermieri e du’ dottori e proprio in quer momento so’ svenuto! Me so’ trovato in sala operatoria, legato mani e piedi, e sulla bocca la maschera pe’ famme torna’ er fiato! Me so’ ripreso e ho visto ch’er chirurgo, cor bisturi, me stava apri’ la pancia! Ma dalla faccia assomijava tanto a quella der padrone ar ristorante! A ‘n tratto, co’ la voce artisonante e l’occhi pieni d’odio, m’ha strillato: “O paghi er conto … o t’apro le budella!”.
M’ha preso ‘na violenta tremarella, ma proprio in quer momento, mi’ sorella, s’è accorta che dormivo ‘n po’ agitato, m’ha dato ‘no spintone … e m’ha svejato!!! .

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?


Sergio Garbellini

Nessuna descrizione.

Lascia un commento