Povuru munnu!

0
()

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione: Ci nu’ pinzammu a quantu ‘nta ‘shtu munnu l’èssiri umanu è ffattu e ‘ncora faci, capemmu ca iddu lu shta manna a funnu, cá ti fa’ cosi giushti no’ è capaci.
Lu munnu pari ca non è cchiù tunnu, cá no’ nc’è mai durmutu ‘nt’la vammaci; è comu ci shta sempri cu lu cciunnu, percé so’ assai li ‘uerri e no’ nc’è paci.
A ci t’na vanna, a ci ti l’atra, voli ddivènta lu patrunu ti la Terra e lu cchiù tebbli è poi cuddu ca mori.
Povuru munnu nueshtru ca s’ni doli, percé shta sempri ‘nmienzu a tanta ‘uerra e no’ canosci la palora ‘amori’! Traduzione: Povero mondo! Se noi pensassimo a quanto in questo mondo l’essere umano ha fatto e ancora fa, capiremmo che lui lo sta mandando a fondo, ché di far cose giuste non è capace.
Il mondo pare che non sia più rotondo, ché non ha mai dormito nella bambagia; è come se stia sempre con il broncio, perché son assai le guerre e non c’è pace.
Chi da una parte, chi dall’altra, vuole diventare il padrone della Terra e il più debole è poi quello che muore.
Povero mondo nostro che se ne duole, perché sta sempre in mezzo a tanta guerra e non conosce la parola ‘amore’!

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...


Giuseppe Vita

Nessuna descrizione.

Lascia un commento