Ricuerdu

0
()

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione: Ti sierma ca tineva tant’orgogliu reshta surtantu ‘na fotocrafia; cu mme la portu ‘ntra lu portafogliu ti quannu, pi ‘na brutta malatìa, murìu e pi mme puntutu comu scogliu fuè lu dulori e mu’ la nushtalgia ca mi shta ffaci’ scriviri ‘shtu fogliu m’ènchi lu cori ti malincunia.
‘Tatà, surtantu ‘shtu ricuerdu tegnu; lu ‘uardu e cchiù vicinu a mme ti sentu, toppu ca tu ti truevi a ‘n atru regnu! Ci ddà mi voli nnùciri lu vientu, ddo te’, pi ssempri, subbutu m’ni vegnu, cá cqua, senza ti tei, è ‘nu turmientu!’.
Traduzione: Ricordo Di mio padre che aveva tant’orgoglio resta soltanto una fotografia; con me la porto dentro il portafoglio da quando, per una brutta malattia, morì e per me appuntito come scoglio fu il dolore ed or la nostalgia che mi sta facendo scriver questo foglio mi riempie il cuore di malinconia.
‘Papà, soltanto questo ricordo tengo; lo guardo e più vicino a me ti sento, anche se tu ti trovi in un altro regno! Se là mi vuole portare il vento, da te, per sempre, subito io vengo, ché qua, senza di te, è un tormento!’.

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Mezzo vuoto

Giuseppe Vita

Nessuna descrizione.

Lascia un commento