Ncielo s’è spase nu lenzuolo niro

0
()

Ncielo s’è spase nu lenzuolo niro chiòve primma nu poco po’ assaje ‘a stanza s’è fatta scura ‘e gelata.
I’ vi sento penziere mieie ca nun parlate, diciteme: addò iate? Ah sta pucundrìa ca vene a ncuità ca saglie stregne e affoca! Miette vela e iammo luntano core scappammo primma ca cchiù s’accoste e st’anema ca tutto sente struje.
Addà passà st’ombra, addà passà s’addà sbruglià stu velo niro! Vattènne, vattènne aria d’autunno nun te sta cu me abbracciata!

 

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  GIUGNO IN MONTAGNA

amcozza

Nessuna descrizione.

Lascia un commento