Primitivo sole

0
()

Sorgeva agli angoli della malferma penombra spiegandosi aria nella bellezza dell’istante.
Innalzava e inabissava il petto ostaggio della sfiducia, alloggiata nelle ceneri di bugie e delusioni.
Tempestiva esaminava il crepuscolo che nell’intimo sentiva solo suo…
Poi, si lasciava deflorare dal primitivo sole per scaldare quelle insane voragini che sapevano di fiele.

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Come un batter d'ali

sebina pintaldi

Nessuna descrizione.

Lascia un commento