Coronavirus period

0
()

Il vento si è calmato
sembra sia primavera
là fuori,
passano sirene e
qualcuno parla ad un megafono,
il sole è bello, inguardabile,
come sempre, ma si fa sentire
addosso, addosso ancora l’inverno
non sappiamo se e quando finirà,
scomparso è ogni orizzonte,
pochi passi e suona una campana
cerchiamo di farci sentire,
suona una chitarra canta una voce,
ma il silenzio è più chiassoso,
abbiamo tutti lo stesso sguardo folle, il resto è una maschera
che lacera anche dentro,
molti si segnano e pensano a Dio,
più di quanto non facessero prima,
i ragazzi spaccano i muri del cuore per arrivare a Lui,
il tempo stranamente vola,
ognuno lavora e pulisce le macchie di una vita anche
sporcandola,
i bambini sono stanchi di giocare e piangono per tutti noi
che ci commuoviamo ma non sappiamo piangere, né parlare,
da tempo affidiamo le nostre emozioni ad un video
ed ora un video ci brucerà occhi e pelle nel tentativo di dire ti amo.

Luciana Potenza 10 Aprile 2020 Venerdì Santo
Coronavirus period.

Ti è piaciuta questa pubblicazione?

Clicca per valutare

Valutazione media

Vuoi essere il primo a valutare questa pubblicazione?

Se ti è piaciuta questa pubblicazione...

Ci dispiace che questa pubblicazione non ti sia piaciuta

Cosa non ti è piaciuto di questa pubblicazione?

Leggi anche  Forse perché la nostalgia dell’oceano

Luciana Potenza

Nessuna descrizione.

Lascia un commento